il mio Forum

Endoscopia ginecologica avanzata e chirurgia robotica

Home Forum dr Ciro Perone – Forum La laparoscopia eventuali complicanze della tecnica laparoscopica

Questo argomento contiene 12 risposte, ha 1,001 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Florinda 6 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 13 articoli - dal 1 a 13 (di 13 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #541

    Florinda
    Membro

    Dott. Perone, essendo la tecnica laparoscopica una procedura chirurgica, quali complicanze può presentare?
    Grazie.

    #598

    Angela
    Membro

    Ciao Aurora, sono Angela. Per esperienza personale, posso dire che le complicanze sono dovute soprattutto agli eventi del caso come in tutti i tipi di intervento; tuttavia, penso siano azzerate affidandosi alle mani esperte di un ottimo chirurgo.

    #571

    MariaLan
    Membro

    Per esperienza personale condivido la risposta di Angela ed aggiungo che la tecnica laparascopica ha il pregio di essere meno invasiva dal punto di vista estetico

    #601

    Florinda
    Membro

    Maria benvenuta nel forum!

    Forse noi siamo state fortunate, vuoi perchè il ginecologo di fiducia ci ha indirizzate verso un centro di eccellenza e verso un ginecologo esperto in endoscopia avanzata e chirurgia robotica; vuoi perchè abbiamo approfondito la questione ed abbiamo cercato di individuare il medico laparoscopista che potesse trattare in maniera congrua la nostra patologia; vuoi per altri motivi.

    L’intervento per via laparoscopica, come tutte le procedure chirurgiche, può presentare diverse complicazioni, alcune delle quali anche gravi, ma è opportuno rivolgersi ai centri di riferimento altamente specializzati dove una diagnosi è il più possibile vicina all’accuratezza finale fornita dall’esame istologico.

    Non accetto il fatto che diversi ginecologi laparoscopisti di base, non indirizzino le loro pazienti, già al primo incontro, verso i colleghi esperti in endoscopia ginecologica avanzata.
    Il tutto a danno delle pazienti che vengono rinviate più volte al tavolo operatorio, subendo così operazioni continue.

    Altro che spending review! Lo Stato finisce per pagare l’intervento due, tre volte, o più, rendendo la terapia chirurgica cronica.

    #602

    Angela
    Membro

    Pienamente d’accordo con te Aurora. Io sono una di quelle pazienti che sfortunatamente prima di approdare ad un centro specializzato, ha subito il primo intervento in un ospedale in modo approssimativo e non risolutivo affatto, per una patologia così complessa, quale l’endometriosi.

    #603

    Angela
    Membro

    Ho subito il mio primo intervento per endometriosi nel novembre 2012 presso l’Ospedale G. Fucito di Mercato San Severino (prov. di Salerno); da lì il mio calvario fino ad approdare alla Clinica Malzoni dove ho conosciuto il Dott. Perone.

    #609

    MariaLan
    Membro

    A me nel 2007 furono individuati dal mio ginecologo dei fibromi.

    Da sola mi attivai per trovare il migliore per il mio caso e giunsi dal Dottor Perone che in sede di asportazione fibroma notò endometriosi al quarto stadio con aderenze intestinali e…mi ripulì!

    non ho più abbandonato il Dottor Perone che mi ha seguito in altre avventure poco gradevoli e più gradevoli come la nascita dei miei due bimbi (4anni e 15mesi) e a chi me lo chiede lo consiglio con entusiasmo

    #613

    Angela
    Membro

    Sicuro Maria anche io mi sono attivata da sola dopo la brusca scoperta dell’endometriosi ed ho contattato il dott Perone; ciò non toglie che l’informazione dell’esistenza di questi esperti debba essere di facile e veloce acquisizione da parte delle donne, quindi anche ad opera dello stesso medico di base o delle stesse farmacie. Ciao

    #614

    MariaLan
    Membro

    Purtroppo non è sempre così anzi!!!

    #615

    Angela
    Membro

    E quindi attraverso l’attività di questo forum cerchiamo di fornire informazioni e aprire discussioni anche attraverso le nostre esperienze.
    Ciao

    #619

    Ciro
    Membro

    La curva di apprendimento in chirurgia laparoscopica è lunga ed il rischio di complicanza è maggiore nella prima parte di tale curva. Il tempo richiesto per raggiungere sufficiente esperienza dipende essenzialmente dalle capacità del chirurgo, ma soprattutto dal numero di procedure eseguite annualmente.
    In un lavoro scientifico pubblicato da Brosens si sottolinea come la percentuale di complicanze si abbassi radicalmente quando si eseguano più di cento procedure chirurgiche endoscopiche l’anno. Questo concetto ci consente di comprendere come la professionalità di un chirurgo non dipenda da età o titolo ma esclusivamente da numero di interventi annui e percentuali di complicanze. Un dato che può rappresentare una facile cartina di tornasole per orientarsi nella scelta del chirurgo a cui affidare la soluzione della propria patologia.
    Ma non dobbiamo dimenticare che anche in mani esperte le complicanze non possono essere annullate.

    #628

    Florinda
    Membro

    Donne aiutatemi a fare due conti!

    A me sembra che il Dott. Perone faccia, in pochi mesi, più di cento procedure chirurgiche endoscopiche nelle varie sedi. Altro che lavoro scientifico di Brosens!

    Alla Clinica Malzoni è stato creato un piccolo reparto di endoscopia ginecologica avanzata di 18 posti dove giornalmente i chirurghi esperti effettuano solo ed esclusivamente interventi ad hoc.
    Il blocco operatorio é dotato di due sale operatorie STORZ OR1, le c.d. sale operatorie “intelligenti” di nuova generazione.
    La chirurgia mini-invasiva è sempre più una video-chirurgia che, per poter essere esercitata, necessita di tutta una nuova serie di tecnologie specifiche, che a loro volta necessitano di spazio, di alimentazioni (elettriche o di gas), connessioni, tubi, cavi, elettrodi. Questo ha portato il vecchio layout della sala operatoria tradizionale a non essere più adeguato alle nuove necessità. Inoltre, tra gli strumenti del chirurgo ha fatto la sua comparsa il computer, con tutto il suo portato di multimedialità e di possibilità di comunicazione in tempo reale che ormai sono quotidianamente necessarie, anche in sala operatoria.

    Nelle strutture ospedaliere “normali”, tanto per capirci, nel reparto di ginecologia-ostetricia, è possibile incontrare ginecologi che effettuano interventi con la tecnica laparoscopica, ma si occupano di tutto.
    Non sempre sono ginecologi di terzo livello. Quest’ultimo è proprio delle strutture altamente specializzate nella tecnica per via laparoscopica e nell’utilizzo del robot da vinci.

    #629

    Angela
    Membro

    E’ giustissimo Aurora ciò che hai detto circa il Centro di eccellenza della Clinica Malzoni e il grande e brillante dott. Ciro Perone che porta la chirurgia endoscopica avanzata ai “massimi livelli” attualmente riscontrabili. Purtroppo, è necessario che il numero di questi centri e dottori aumentino perché sono tante le donne che hanno bisogno di essere seguite ed aiutate nelle innumervoli patologie ginecologiche attraverso un percoso mirato. Speriamo che anche altre strutture sparse sul territorio nazionale, prendano esempio da questi centri di eccellenza e localizzino al loro interno reparti specializzati con personale ad alto livello come il dottore Ciro Perone.

Stai vedendo 13 articoli - dal 1 a 13 (di 13 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.